ARES Modena, precedentemente nota come ARES Design, ha presentato l’evoluzione della S1 Project, una supercar con motore V8 a produzione limitata basata sulla Chevrolet Corvette C8 e che viene offerta sia con carrozzeria Speedster (Targa-tetto) che Spyder (capote).

Entrambi i veicoli sono presentati sul sito ufficiale di ARES Modena, con specifiche dettagliate e una serie di render. I modelli S1 Project sembrano molto più vicini alla produzione rispetto alle concept car del 2020, grazie a una serie di modifiche all’esterno e all’interno. 

Design Frankenstein

Sebbene il design sia stato attenuato la supercar conserva l’anteriore ispirato a Koenigsegg, la coda ispirata alla Bugatti e i doppi tubi di scarico montati sul ponte posteriore simili alla McLaren 600LT. La carrozzeria è interamente realizzata in fibra di carbonio e sembra non avere nulla in comune con la Corvette nonostante condivida le stesse basi. 

Gli interni

All’interno il clou è il layout a tre schermi con un quadro strumenti digitale, un ampio touchscreen per l’infotainment e un altro schermo sul lato passeggero. La forma della plancia con strutture a cupola è più classica, mentre volante e pulsanti sono presi in prestito dalla Corvette C8. Nappa di alta qualità e pelle Pienofiore sono state utilizzate per i rivestimenti su misura, combinati con Alcantara e abbondante fibra di carbonio a vista per i dettagli e le rifiniture.

Dimensioni: un po’ più grande di una C8

In quanto a dimensioni la S1 Project misura 4.684 mm in lunghezza, 2.009 mm in larghezza e 1.214 mm in altezza, con un passo di 2.722 mm. Questo la rende leggermente più lunga, più larga e più corta della Corvette C8, con un passo identico. I cerchi in lega personalizzati hanno un diametro di 20 pollici all’anteriore e 21 pollici al posteriore, gommati con pneumatici misti, da 275/30 ZR20 all’ anteriore e 345/25 ZR21 al posteriore.

Meccanica GM originale

Il motore V8 da 6,2 litri montato in posizione centrale e proveniente da GM presumibilmente rimane intatto, solo con il sistema di scarico personalizzato firmato ARES e che, secondo il tuner, migliorerebbe significativamente le prestazioni.

Il motore aziona le ruote posteriori attraverso una trasmissione a doppia frizione a otto rapporti con l’aiuto di un differenziale a slittamento limitato. I modelli si basano sul telaio in alluminio della Corvette, prendendo in prestito gli assi in alluminio forgiato e le sospensioni adattive Magnetic Ride Control.

Anche se gli ordini sono già aperti, ARES Modena non ha rivelato i prezzi delle supercar che saranno prodotte in un numero limitato di 24 unità.

Clicca qui per visitare la pagina dell’autore