Ecco tutti i dettagli della vicenda


8 luglio 2024

L‘ipotesi che Olena Zelenska, moglie del presidente ucraino Volodymyr Zelensky, abbia acquistato l’ultima Bugatti Tourbillon sta facendo scalpore sui social media.

L’affermazione proviene da un uomo in un video circolante sui social, il quale sostiene di lavorare per il gruppo francese Schumacher, distributore ufficiale del marchio in Francia. Comprare una macchina che costa almeno 3,8 milioni di euro (esclusi optional) mentre l’Ucraina è in guerra, ha scatenato reazioni su Instagram, X (ex Twitter) e TikTok, soprattutto da parte di account noti per diffondere disinformazione, come quello di Zoé Sagan su X.

Il gruppo Car Lovers (precedentemente noto come gruppo Schumacher) ha respinto fermamente queste accuse in un comunicato stampa rilasciato qualche giorno fa e, secondo il comunicato, le accuse sono false e infondate. Il gruppo ha anche dichiarato che non esiste alcun dipendente di nome Jacques Bertin, e ha sottolineato che la presunta fattura mostrata nel video contiene numerose inesattezze e incongruenze.

Il “commerciale” in questione, identificato come Jacques Bertin, ha condiviso una fattura che, a prima vista, appare ufficiale. Tuttavia, una serie di errori evidenti ne mette in dubbio l’autenticità:

  • La città di Neuilly è scritta con un sola “l”, un errore improbabile in un documento ufficiale.
  • Il prezzo del veicolo e degli optional è errato e incoerente.
  • Mancano le menzioni legali obbligatorie.
  • La grafica della fattura è obsoleta e non corrisponde agli standard del gruppo.

In risposta a queste falsità, il gruppo Car Lovers ha intrapreso azioni legali, depositando una denuncia penale per usurpazione di identità e diffamazione. Nel comunicato stampa, il gruppo sottolinea che mai avrebbe permesso l’emanazione di un documento del genere, ribadendo che tutte le informazioni fornite dal presunto Jacques Bertin sono completamente inventate.

 

Clicca qui per visitare la pagina dell’autore