Il “taglio ai cavi” della piattaforma che Google dedica alle auto è ormai a buon punto. Col rilascio di Android 11, Android Auto Wireless arriva su tutti gli smartphone più recenti, recuperando terreno su Apple CarPlay, utilizzabile senza fili già da tempo.

Certo, non tutte le auto sono compatibili, e la maggior parte dei telefoni per i quali non è previsto l’aggiornamento all’undicesima versione di Android non possono beneficiarne. Ma intanto facciamo il punto sulla questione con quello che c’è da sapere per configurare e utilizzare Android Auto Wireless.

Smartphone e auto compatibili

Prima di tutto, pur avendone parlato in maniera specifica in un articolo dedicato (qui), occorre accertarsi se lo smartphone e l’auto abbiano i requisiti giusti per poter usare Android Auto Wireless.

Per quanto riguarda il telefono, oltre alla rete Wi-Fi a 5 GHz, serve la versione Android 11 installata, Android 10 in caso di smartphone Google o Samsung, Android 9 Pie per i più datati Samsung Galaxy S8, Galaxy S8+ e Note 8.

Lato auto, per verificare se sulla propria vettura è possibile usare Android Auto, basta visitare questa pagina web in cui Google mostra i modelli di auto e stereo aftermarket compatibili. 

Discorso diverso invece per la versione Wireless di Android Auto, per la quale Google non ha ancora inserito una lista ufficiale di modelli di automobili compatibili per l’Italia. 

Come configurare Android Auto Wireless

Per collegare smartphone e auto in modalità senza fili attivando Android Auto, basta avviare il pairing dal display dell’auto o dal telefono e seguire le istruzioni mostrate a schermo. Per inciso, per il primo collegamento, oltre al Bluetooth, è consigliabile tenere attivi anche il Wi-Fi e i servizi di geolocalizzazione.

Come per qualsiasi nuovo dispositivo da collegare al telefono, non c’è altro da fare che accedere al menù Bluetooth dalle impostazioni dello smartphone e selezionare la propria auto da abbinare.

La procedura di configurazione dà anche la possibilità all’utente di collegare il telefono in modalità “standard”, cioè solo per musica e chiamate. Ma per attivare Android Auto occorre dare il consenso a tutte le autorizzazioni (dall’accesso alla rubrica, alle notifiche) che serviranno per abilitare tutte le funzioni di Android Auto, a questo punto attivo e funzionante.

I passaggi da ricordare

  • Attivare il Bluetooth, il Wi-Fi e i servizi di geolocalizzazione dello smartphone
  • Accedere al menù Bluetooth dalle impostazioni del telefono o dalla relativa scorciatoia
  • Avviare la ricerca di un nuovo dispositivo
  • Selezionare l’auto
  • Concedere le autorizzazioni mostrate a schermo per completare il processo di configurazione

Clicca qui per visitare la pagina dell’autore