Per progettare al futuro, in casa DS si guarda al (recente) passato. Così, per dar vita alla DS 8, la grande ammiraglia che sarà prodotta a Melfi, il brand francese vuole prendere spunto dall’Aero Sport Lounge, un concept avveniristico presentato nel 2020.

Il prototipo ha rappresentato il manifesto delle DS del presente e del futuro, con tante soluzioni stilistiche che sono già state riprese da diversi modelli.

Filante e muscolosa

Lunga 5 metri, l’Aero Sport Lounge ha una presenza importante, “snellita” dai continui contrasti tra la carrozzeria grigia e le grandi parti in nero lucido. Di sicuro impatto la calandra, con una larghezza XL e una zona centrale occupata dal logo DS che s’illumina al buio.

DS Aero Sport Lounge (2020)

A proposito d’illuminazione, i sottili fari LED si prolungano sui lati del paraurti, dando vita a una sorta di “cascata” luminosa. Un elemento che si è visto di recente su DS 4 e soprattutto sul restyling della DS 7. Le fiancate alte e muscolose in cui risaltano i cerchi in lega da 23” sono rese dinamiche dalle nervature sulla parte superiore.

Dietro viene riproposto il tema dell’anteriore, coi gruppi ottici a sviluppo orizzontale con un look “organico” che sfuma negli intagli del paraurti.

Salotto di lusso

A bordo, l’Aero Sport Lounge si riconosce per la presenza di materiali e rivestimenti di lusso, oltre alla posizione di guida rialzata che aumenta la visibilità. Il visore della plancia e lo schienale dei sedili sono realizzati con la tecnica dell’intarsio di paglia, mentre il raso di cotone aggiunge un tocco di eleganza ai sedili.

DS Aero Sport Lounge (2020)

DS Aero Sport Lounge, il tre quarti posteriore

A completare la scelta dei rivestimenti è il tessuto tecnico in microfibra intrecciata a tre materiali presente sulle portiere.

Nulla si sa sulle motorizzazioni di questo concept DS. Tuttavia, alcune voci non confermate dicono che la DS 8 che ne deriverà utilizzerà la piattaforma STLA Medium, un’architettura capace di ospitare batterie fino a 98 kWh e powertrain da 700 CV.

Clicca qui per visitare la pagina dell’autore