Nel corso della conferenza stampa Fia, Charles Leclerc e Carlos Sainz hanno parlato dei loro obiettivi per il Gran Premio dell’Emilia Romagna, dove la Ferrari è attesa ad una conferma dei passi in avanti visti in Bahrain rispetto all’anno scorso, e di poter lottare per il terzo posto della classifica costruttori in questa stagione.

Il talento cresciuto nella Ferrari Driver Academy, ha affermato che spera di essere protagonista come l’anno scorso. “Qui è sempre speciale, specialmente quando ci sono i fan. È un peccato che nessuno possa essere sugli spalti, ma ovviamente è la cosa migliore che si possa fare ora. Siamo solo a 90 km alla nostra sede, daremo tutto, speriamo di avere un bel weekend davanti a noi“.

Leclerc conferma i giudizi positivi sulla SF21, che aveva già espresso in Bahrain. “Questa macchina è un deciso passo in avanti rispetto all’anno scorso, siamo progrediti di più rispetto agli altri team ma non siamo ancora nelle posizioni che vorremmo. Quindi dobbiamo impegnarci per tornare dove vogliamo, cioè lottare per le vittorie. Dobbiamo continuare a lavorare così. La macchina è migliorata nel complesso in tutti i settori: abbiamo più potenza e un miglior bilanciamento in curva, abbiamo poi più aderenza. Tutto il pacchetto dà sensazioni molto migliori e questo è positivo per il futuro“.

Infine Leclerc crede che per la Ferrari sia impossibile inserirsi nel duello fra Mercedes e Red Bull. “Credo che l’obiettivo realistico è essere appena dietro Red Bull e Mercedes. È troppo difficile lottare con loro, siamo troppo lontani. Siamo in lotta con altri cinque team per il terzo posto nella classifica costruttori. Sarà una lotta serrata ma se faremo tutto alla perfezione penso che sia un obiettivo raggiungibile“.

Invece in precedenza Carlos Sainz aveva svelato le proprie emozioni, per la prima gara italiana come pilota della Ferrari. “Mi dà un brivido in più, è sempre speciale ed emozionante correre il primo Gran Premio in Italia da ferrarista. Purtroppo non ci saranno i tifosi a causa della pandemia, sicuramente mi mancheranno. Mi mancherà quel fattore di ulteriore entusiasmo che può dare a un pilota Ferrari. Ma si percepisce già che l’atmosfera di questo circuito è speciale. L’ho sentita a Monza l’anno scorso, c’era un legame speciale perché i tifosi sapevano che sarei arrivato in Ferrari. È un peccato che non ci siano sugli spalti, ma sarà comunque emozionante“.

Lo spagnolo è tornato ad analizzare la prima gara del mondiale. “Per quanto riguarda il Bahrain, è stata una gara positiva, sono riuscito a spingere tanto dall’inizio, ho espresso il passo della vettura. Il fatto che ci sia stato un test mi ha permesso di ripetere le procedure e la guida che ho mostrato nei test e questo mi ha favorito. Imola è più dura sotto questo punto di vista, perché è una pista dove serve molta fiducia con la macchina. Però, al tempo stesso, penso che mi sia adattato velocemente alla vettura in Bahrain”. 

Sainz rivelando che ha studiato in queste settimane la telemetria di Leclerc per capire come sfruttare meglio la SF21, fa i complimenti al compagno di squadra per le sue prestazioni in qualifica e gara a Sakhir. “Ho imparato dai dati di Charles, ho cercato di capire come gestire la gara per riuscire a fare dei giri così buoni come i suoi. Ma devo dire che sono sorpreso di come abbia gestito la macchina nel Q1 e nel Q2. Questo percorso di apprendimento conoscerà certamente anche errori: da quelli si impara e cresceremo insieme ai ragazzi“.

Clicca qui per visitare la pagina dell’autore