Honda ha dichiarato da tempo che intende vendere 30 nuovi modelli completamente elettrici entro il 2030. Non so se qualcuno di voi ha controllato il calendario di recente, ma secondo i miei calcoli si tratta di sei anni e 25 giorni da oggi.

Al momento la presenza elettrica di Honda a livello mondiale comprende la e:Ny1, in arrivo a breve, alcune joint venture per la Cina e il SUV Prologue, venduto esclusivamente negli Stati Uniti e basato su una piattaforma di origine General Motors. No, la Honda e non c’è più, uscita silenziosamente dal listino della Casa giapponese dopo appena 3 anni di vita. La domanda è: come raggiungere l’ambizioso obiettivo di cui sopra?

Scommessa vincente? 

Potremmo avere qualche risposta a questa domanda da 40 miliardi di dollari – cifra che Honda investirà nello sviluppo delle future elettriche – a gennaio 2024 al CES di Las Vegas, in programma dal 9 al 12 gennaio. Lì infatti Honda presenterà quella che ha definito come “una serie di veicoli elettrici globali e diverse tecnologie chiave che illustrano la significativa trasformazione che Honda sta attualmente attraversando”.  

Non un solo modello quindi, ma una serie di novità assolute da lanciare in numerosi mercati. Il comunicato stampa con il quale la Casa annuncia la propria presenza alla più importante fiera hi-tech del mondo continua dicendo “In vista dell’obiettivo globale di raggiungere la neutralità delle emissioni di carbonio per tutti i prodotti e le attività aziendali entro il 2050, Honda introdurrà 30 nuovi veicoli elettrici a livello globale entro il 2030, con un volume di vendite di 2 milioni di unità”.

Foto - Honda e:Ny1 - Prova

Questo è tutto quello che sappiamo. Non ci sono specifiche tecniche o foto particolarmente esaustive. Tutto si riduce a un criptico teaser che ritrae quella che sembra essere una concept particolarmente spigolosa. Che sì, ricorda per certi versi il Tesla Cybertruck. 

Il meglio deve ancora venire

Di sicuro non utilizzerà una meccanica GM (la partnership con il Gruppo statunitense è stata sciolta) e le future auto elettriche Honda dovrebbero quindi utilizzare piattaforme proprietarie. Nate specificatamente per modelli a batteria e non quindi del tipo multienergia, scelta fatta da alcuni gruppi europei.

Quello che appare chiaro è che la corsa della Casa giapponese sul fronte elettrico si farà ben più ritmata e serrata, mentre quella dell’elettrificazione è ormai in pieno svolgimento tra le nuove CR-V e ZR-V, alle quali nel 2024 dovrebbero affiancarsi Civic Hybrid e la nuova Honda Prelude.

Honda Prelude Concept al Japan Mobility Show

Source link