Robert Reid nel 2001 ha vinto il Campionato del Mondo Rally a bordo della Subaru come copilota di Richard Burns, un trionfo di cui si è celebrato il 20esimo anniversario proprio la scorsa settimana. Abbandonate le competizioni lo scozzese ha intrapreso una carriera nella governance dello sport entrando a far parte di diverse commissioni FIA, inclusa quella Sicurezza.

È candidato alle elezioni FIA che si svolgeranno tra tre settimane per il ruolo di vicepresidente in ticket con Mohammed ben Sulayem. La vittoria lo vedrebbe come “co-pilota” della persona più importante nel motorsport, il presidente della FIA. Anche l’attuale presidente Jean Todt ha iniziato la sua carriera come copilota di rally. Cosa c’è nella persone che legge le mappe che le qualificano per la governance del motorpsort?

“Come copilota dico sempre che essere passeggeri nelle gare non è necessariamente la parte più piacevole. È divertente, ma quello che apprezzo davvero è il dover fare più cose  contemporaneamente”, afferma Reid.

“La lettura delle note, la preparazione, la gestione di un intero carico di scenari diversi nello stesso momento: la squadra meteo, le scelte degli pneumatici, il tempo di servizio, la quantità di carburante che c’è nell’auto, il controllo della velocità del pilota. 

Queste capacità aprono le porte a una serie di opportunità al di fuori delle competizioni. C’è una grande attenzione ai dettagli per essere in grado di gestire molte cose diverse allo stesso tempo, tutte generalmente con priorità e scadenze differenti. E penso aiuti anche la conoscenza dei regolamenti e, quando gareggiavo da copilota, come aggirarli!”.

La vittoria del Campionato del Mondo 2001 da parte di Burns e Reid, arrivata nella gara di casa, il Rally di Gran Bretagna, ha conquistato le prime pagine delle cronache sportive. È stata un’età d’oro per la competizione, con la presenza di Colin McRae, di altri piloti leggendari e di molti costruttori in partecipanti al campionato.

Stiamo assistendo a un aumento della popolarità della F1 in tutto il mondo come ha dimostrato il recente Global Fan Survey, il sondaggio globale dedicato agli appassionati dello sport. Lei pensa che i rally potranno mia rivivere i fasti di quell'”epoca d’oro”?

“Certamente lo spero. Sia io che Mohammad abbiamo un passato nei rally e siamo entrambi appassionati dello sport, oltre che del motorsport in generale”, dice. Nel 2001, sul quotidiano The Times, è comparsa un’auto WRC in prima pagina tre giorni su quattro per quell’evento. Ricordo di aver parlato con Damon Hill e lui mi diceva: “Voi ragazzi avete avuto più spazio di me sul giornale rispetto a quando vinsi il campionato del mondo di Formula 1!”.

“Sarebbe bello vedere la massima categoria dei rally rivivere i vecchi fasti. Ma credo che la sfida riguardi più i campionati regionali rispetto ai rally nazionali e qui ritorniamo al problema dei costi, che sono proibitivi. Abbiamo bisogno di responsabilizzare le regioni. Dobbiamo anche assicurarci che gli eventi in questi contesti siano adeguati alla tipologia dei veicoli e alle esigenze all’interno delle regioni perché questo è il livello dove possiamo stimolare l’interesse verso la categoria”.

“Dobbiamo riconoscere che il motorsport sarà sempre più caro del calcio in termini di partecipazione, ma dobbiamo anche lavorare il più possibile per ridurre i costi. Vogliamo avviare la campagna per ‘raddoppiare il motorsport’ nel giro di quattro anni, un’iniziativa che potrebbe sembrare particolarmente ambiziosa, ma penso sia un’enorme opportunità, in particolare per i Paesi in via di sviluppo. Ma questo accadrà solo se manterremo i costi bassi, in particolare nel motorsport entry level”.

Al centro della visione di entrambe le campagne presidenziali FIA c’è l’idea che il motorsport dovrebbe essere consapevole delle minacce provenienti dall’ambiente e da altri fattori, ma dovrebbe anche essere audace nell’affermare costantemente il proprio ruolo come parte della soluzione, come incubatore di tecnologie che aiuteranno a mettere il mondo sulla strada giusta per il futuro.

“Abbiamo svolto un’ampia consultazione, oltre 2000 ore di conversazione con i club di tutto il mondo”, afferma Reid. Gli argomenti più importanti che sono emersi riguardano i cambiamenti che stanno interessando la società in generale così come lo sport: le abitudini dei consumatori, la capacità di attenzione del pubblico, il cambio di atteggiamento nei confronti della diversità e, ovviamente, le preoccupazioni per l’ambiente e la sostenibilità.

Robert Reid, il candidato alla vicepresidenza FIA

Il motorsport, per quanto mi riguarda, ha sempre fatto da apripista in questo senso ed è stato influente. Dobbiamo continuare a essere intraprendenti di fronte a queste sfide e dimostrare che il motorsport può essere parte della soluzione. Ecco perché la visione della nostra campagna è quella di diventare la voce globale del motorsport e della mobilità. Dobbiamo davvero assicurarci di poter influire su queste tematiche.

“Parlando, come abbiamo fatto noi, con molti club in tutto il mondo, ciò che è veramente evidente al di fuori dell’Europa, è che tutti ci stanno dicendo: ‘Non permettete che il motorsport diventi solo elettrico, perché useremo ancora i motori a combustione interna per i prossimi 20 anni’

“L’infrastruttura di ricarica non è presente in tutte le regioni del mondo. Quindi abbiamo bisogno di trovare soluzioni che soddisfino le esigenze di tutti. Abbiamo una grande opportunità, perché abbiamo così tante discipline che possiamo adottare soluzioni differenti a seconda delle diverse categorie”.

“Il motorsport del futuro? Sicuro, divertente, emozionante, inclusivo. Sono tutte parole che userei. Dobbiamo accogliere le persone che vogliono partecipare per divertimento, ma dobbiamo anche fornire un percorso verso la competizione internazionale per coloro che vogliono progredire.

Quindi dobbiamo completare questo modello di sviluppo. Vedo un enorme potenziale per far crescere lo sport in tutto il mondo, assieme all’opportunità di fornire soluzioni sostenibili dal punto di vista ambientale. Mi piace pensare che il futuro sia molto luminoso per il motorsport”.

Clicca qui per visitare la pagina dell’autore