Aumenta la gamma disponibile di carburanti a basse emissioni di carbonio ottenuti da fonti rinnovabili. Dopo il Blue Diesel R33, Bosch, Shell e Volkswagen hanno ideato una benzina a emissioni ridotte, che si chiama Blue Gasoline e contiene fino al 33% di energie rinnovabili.

Il nuovo carburante assicura una riduzione delle emissioni di carbonio lungo tutto il ciclo Well to Wheel, dal pozzo di estrazione fino all’uso nei veicoli, di almeno il 20% per ogni km percorso. Le restanti emissioni di carbonio derivanti dall’uso della Blue Gasoline saranno compensate da parte di Shell, tramite accordi di compensazione certificati. Il piano iniziale è di rendere disponibile il carburante nelle normali stazioni di rifornimento durante il 2021, a partire dalla Germania. Il grande obiettivo è quello di arrivare a un prezzo alla pompa che sia nel range dei carburanti premium come Shell V-Power.

Uwe Gackstatter, Presidente della divisione Bosch Powertrain Solutions (sempre in prima linea per ridurre le emissioni inquinanti), dichiara: “Nel percorso verso la mobilità ecosostenibile, dobbiamo assicurarci di vagliare tutte le opportunità tecnologiche, dall’elettromobilità fino ai carburanti ottenuti da fonti rinnovabili. Ogni parte di CO2 che riusciamo a risparmiare è utile per raggiungere i nostri obiettivi climatici”. “Siamo lieti di presentare la controparte del Blue Diesel R33. Con il nostro nuovo carburante anche i motori a benzina possono compiere un grande passo avanti in termini di sostenibilità”, ha aggiunto Felix Balthasar, Manager Speciality Fuels di Shell.

E infine Sebastian Willmann, a capo dell’Internal Combustion Engine Development di Volkswagen, ha aggiunto: “La Blue Gasoline è un altro elemento importante verso la riduzione effettiva delle emissioni di CO2. L’elevata stabilità di conservazione del Blue Gasoline rende questo carburante particolarmente adatto all’uso nei veicoli ibridi plug-in. In futuro, l’ampliamento dell’infrastruttura di carica e le batterie più grandi consentiranno a questi mezzi di viaggiare principalmente a energia elettrica, per questo il carburante potrebbe rimanere nel serbatoio per lunghi periodi”.

Blue Gasoline è conforme alla normativa EN 228/E10. Gli additivi di alta qualità mantengono il motore pulito e lo proteggono dalla corrosione. Oltre a distribuire il carburante tramite la rete di stazioni di rifornimento esistente, è possibile usarlo anche in tutti i veicoli nuovi ed esistenti per cui è stata approvata la benzina super E10 a 95 ottani.

I tre partner del progetto Blue Gasoline hanno definito le specifiche di carburante da rispettare, tenendo conto dei requisiti del motore e di sostenibilità. Il prodotto è stato sottoposto a test intensivi, con risultati sempre positivi. Già a partire da questo mese debutterà la Blue Gasoline nelle stazioni di rifornimento aziendali di Schwieberdingen, entro fine anno anche in quelle di Feuerbach e Hildesheim. La fornitura della benzina Super 95 E10 sarà lentamente abbandonata.

Per Bosch questi nuovi carburanti si affiancheranno all’elettromobilità, ma non la sostituiranno. L’utilizzo dei carburanti a basse emissioni è utile in tutti i tipi di mezzi di trasporto, soprattutto in quelli per cui non vi è ancora un percorso chiaro ed economicamente praticabile verso l’elettrificazione.

Clicca qui per visitare la pagina dell’autore