Doveva accadere, prima o poi. Una Ferrari elettrica ma che sia Ferrari in tutto e per tutto, anche per tutti (i ferraristi guidatori). Non come Porsche, che ha la propria bella Taycan ma non si tratta di un mezzo realmente figlio della tradizione da gara di Stoccarda. Quelli del cavallino tedesco, per ora vincono nei volumi ma non hanno in vendita una supercar elettrica con doti da vettura uso gara. Capare di schierarsi in GT come la 911, o per monomarca di gran livello. Capace si alzare parti delle carene e mostrare telaio di evidente derivazione sportiva, pura.

Beh, a Maranello magari arrivano dopo come oggettivamente dopo sono arrivati per il SuperCrossover (Purosangue batte Cayenne, ma dopo 20 anni) però, che roba! Quello che vedete in fotogallery è un estratto di immagini e disegni parte del brevetto di recente depositato all’European Patent Office.

Utile a Ferrari per portarsi avanti, nei lavori sulle nuove eredi delle Ferrari 488 ed F8, inizialmente solo ibride. Ci sarà anche elettrica? Pare di sì, o almeno i progetti visibili lo consentirebbero. Proprio il telaio è oggetto di questi ultimi elementi spiegati e registrati nel 2020. Una struttura palesemente da auto racing, fatta per la pista prima che per la strada. Una struttura con il particolare che nelle sue estreme robustezza e rigidità, utili a omologazioni uso corsa, vanta lo spazio batterie.

Uno spazio importante in tutti i sensi e anche portante, per averne di quelle che fanno correre e non solo abbassano il baricentro. Uno spazio integrato tra gli elementi strutturali con rimozione degli stessi possibile solo insieme al pacco batterie. In questi disegni ci sono varie cose da capire, se si conoscono le giuste teorie. In ogni caso la pratica dice che, per ora, non esiste la componentistica capace di rendere una nuova supercar elettrica all’altezza del prodotto Ferrari. Ne sentiremo parlare, ma molto più avanti. Adesso accontentiamoci di sapere che il nuovo SuperCrossover Purosangue avrà il V12 e il volante mega-touch, oltre il resto che spazza via qualunque SUV rivale a oggi in vendita.

 

Clicca qui per visitare la pagina dell’autore