Le aste di lusso di RM Sotheby’s sbarcano a Milano. Il 15 giugno, proprio alla vigilia della partenza della 1000 Miglia, la Casa d’aste metterà in vendita alcuni pezzi pregiatissimi a Palazzo Serbelloni.

Tra le auto protagoniste vi abbiamo già parlato del primo esemplare al mondo della mitica Lancia Rally 037, della velocissima Koenigsegg CCR del 2004 da 387 km/h. e dell’Alfa Romeo 155 V6 TI ITC. Ecco alcune delle altre rarità che saranno battute all’asta tra meno di quindici giorni.

1931 Bugatti Type 46 Coupé “Superprofilée”

Si tratta dell’esemplare più “anziano” tra tutti quelli in vendita. La Tipo 46 è stata introdotta da Bugatti nel 1929 ed è rimasta in produzione fino al 1933. Nonostante le difficili condizioni economiche dell’epoca causate dalla Grande Depressione, la Casa riuscì a vendere 400 dei 468 modelli prodotti.

1931 Bugatti Type 46 Coupé Superprofilée
1931 Bugatti Type 46 Coupé Superprofilée

In realtà, quello in vendita a Milano non risale proprio a quegli anni. Il suo telaio, infatti, è rimasto inutilizzato fino agli anni ’50, quando fu acquisito da Roland Bugatti, il fratello di Ettore.

Successivamente, è passato di mano fino alla metà degli anni ’90, quando un collezionista francese ha deciso di utilizzarlo come punto di partenza per un restauro completo. Il progetto è durato 10 anni ed è stato gestito dalla britannica Ashton Keynes Vintage Restorations. Così la Bugatti è potuta tornare in vita con un telaio completamente originale e le forme del modello dell’epoca. Il suo valore è stimato tra i 500 mila e i 700 mila euro.

1950 Cisitalia 202 SC Cabriolet

La storia della Cisitalia è stata breve, ma densa di avvenimenti. Fondata nel 1947, nello stesso anno ha partecipato alla 1000 Miglia con diverse vetture, tra cui una guidata da Tazio Nuvolari.

1950 Cisitalia 202 SC Cabriolet
1950 Cisitalia 202 SC Cabriolet
1950 Cisitalia 202 SC Cabriolet

I problemi finanziari incontrati negli anni successivi (e che hanno portato alla chiusura dell’attività nel 1963) non hanno impedito all’azienda torinese di prendere parte ad altre edizioni della 1000 Miglia e al Gran Premio d’Italia di Formula 1 del 1952.

Una delle creazioni di maggior successo è stata proprio la 202, qui declinata in versione SC Cabriolet. Si stima che ne siano state prodotte appena 60 e l’esemplare dell’asta è stato attentamente restaurato per poter nuovamente competere ad altri eventi internazionali. La Cisitalia è offerta senza riserve ed ha un valore stimato tra 250 mila e 350 mila euro.

1966 Ferrari 275 GTB By Scaglietti

Lusso, potenza e tanto glamour: la 275 GTB è stata una delle Ferrari più amate dalle celebrità degli anni ’60. Posseduta anche da Miles Davis e Steve McQueen, l’esemplare dell’asta è appartenuto a Roger Vadim Plemiannikov e all’allora moglie Jane Fonda.

1966 Ferrari 275 GTB by Scaglietti
1966 Ferrari 275 GTB by Scaglietti
1966 Ferrari 275 GTB by Scaglietti

La coppia ha utilizzato l’auto in Costa Azzurra fino al 1968 venendo spesso “paparazzata” a bordo della Ferrari celeste. Negli anni successivi, l’auto, che monta un motore V12 da 280 CV, ha cambiato più di un proprietario ed è stata anche riverniciata di rosso.

Negli ultimi cinque anni è stata restaurata per ripristinare la configurazione originale e ha ricevuto la certificazione di Ferrari Classiche, la quale conferma l’originalità di telaio, motore e cambio.

La 275 GTB dell’asta ha un prezzo stimato tra 2 e 2,5 milioni di euro.

1988 Lamborghini LM002

Prima dell’Urus, la “Lamborghini delle SUV” era lei, la LM002. Realizzata in 328 esemplari tra il 1986 e il 1993, è stata la prima “Lambo” a ruote alte della storia. Si tratta di un vero colosso di tre tonnellate con trazione integrale e motore V12 da 444 CV, lo stesso propulsore (opportunamente adattato) della Countach.

1988 Lamborghini LM002
1988 Lamborghini LM002
1988 Lamborghini LM002

Nonostante l’imponente mole, la LM002 è capace di scattare da 0 a 100 km/h in meno di 8 secondi e raggiungere quasi i 200 km/h. Come si può immaginare, i consumi sono elevatissimi, tanto che è stato installato un serbatoio di ben 290 litri.

L’esemplare dell’asta è stato consegnato in Svizzera nel 1988 e qui è rimasto per buona parte della sua vita. Mantenuto regolarmente nel corso degli anni, si stima che valga tra i 225 e i 275 mila euro.

1994 Alfa Romeo 155 TS BTCC

La 155 in versione Touring Car è stata una (breve) leggenda del motorsport degli anni ’90. Grazie ad una soluzione aerodinamica ai limiti del regolamento del campionato British Touring Car, l’Alfa Romeo guidata da Gabriele Tarquini ottenne numerose vittorie ai danni di rivali come BMW e Ford che gli valsero il successo nella classifica piloti.

1994 Alfa Romeo 1550 TS BTCC
1994 Alfa Romeo 1550 TS BTCC
1994 Alfa Romeo 1550 TS BTCC

Dopo la stagione 1994, la Casa italiana si è ritirata dal campionato inglese preferendo il DTM, ma senza ripetere la cavalcata del BTCC. Sotto certi aspetti, si può considerare la “madre” della 155 TI ITC del 1995, anch’essa presente nella rassegna milanese.

L’esemplare dell’asta è lo stesso guidato da Tarquini alla fine della stagione 1994. L’auto, dopo essere stata impiegata per alcuni test pre-stagionali nel 1995, è stata regalata al pilota ed è ora in vendita con un valore stimato tra 300 e 400 mila euro. 

2000 Ferrari 550 GT1

Altra italiana, altra icona del motorsport degli ultimi decenni. La 550 GT1 è uno dei quattro esemplari costruiti da Italtecnica per competere al campionato FIA GT dei primi anni 2000. Questa Ferrari può vantare una carriera di altissimo livello in circa 11 anni di attività con due vittorie al FIA GT, un successo di classe a Le Mans e una vittoria assoluta nella 24 Ore di Spa.

2000 Ferrari 550 GT1
2000 Ferrari 550 GT1
2000 Ferrari 550 GT1

Nel corso degli anni la 550 GT1 è stata guidata dagli ex piloti di Formula 1 Emanuele Naspetti e Mimo Schiattarella, nonché da Toto Wolff, attuale direttore esecutivo del team Mercedes-AMG in F1.

La Ferrari e il suo 6 litri V12 sono stati ripristinati per essere in perfette condizioni da gara e partecipare così a competizioni come l’Endurance Racing Legends o al Masters Endurance Legends dedicate alle auto da corsa storiche. Il valore? Tra gli 1,8 e i 2,2 milioni di euro.

2021 Mercedes-AMG GT Black Series

È il modello più recente presente all’asta, ma non per questo è meno importante. Anzi, in appena un anno di vita, l’AMG GT Black Series ha già fatto parlare di sé stabilendo il record sul giro veloce al Nurburgring. Si tratta dell’AMG più estrema mai costruita con un 4.0 V8 biturbo da 730 CV e 800 Nm di coppia.

2021 Mercedes-AMG GT Black Series
2021 Mercedes-AMG GT Black Series
2021 Mercedes-AMG GT Black Series

La Mercedes, però, non è solo potenza bruta, ma anche tanta ricercatezza aerodinamica. L’assetto, infatti, è fortemente ripreso dalla vettura che compete nei campionati GT3 con tutte le opportune modifiche per consentire l’omologazione su strada. Il risultato è un bolide capace di toccare i 325 km/h di velocità massima e di raggiungere i 100 km/h da fermo in soli 3 secondi.

L’esemplare in vendita è completissimo, ha percorso appena 30 km e presenta la brillante vernice Magma Beam (un optional da circa 8 mila euro). Il suo prezzo si potrebbe aggirare tra i 400 e i 500 mila euro.

Clicca qui per visitare la pagina dell’autore