MG Motor e i dazi dell’UE: la posizione del Brand del Gruppo Saic

In risposta all’annuncio della Commissione Europea (CE) di voler imporre dazi sulle importazioni di veicoli 100% elettrici (BEV) provenienti dalla Cina, MG Motor Europe ha espresso disappunto per l’entità di tali dazi fino al 38,1%.  L’eventuale conferma del provvedimento, però, non impatterà in alcun modo gli altri modelli MG, quelli con propulsione a benzina (ICE), HEV e PHEV, né la fornitura delle parti di ricambio. In particolare i modelli ZS, HS/eHS e MG3 mantengono invariati posizionamento e prezzo.

La crescita di MG

MG sta vivendo una notevole crescita sul mercato dell’UE grazie ala sua ampia gamma di modelli, risultato degli ingenti investimenti di SAIC in ricerca e sviluppo che solo nell’ultimo decennio hanno raggiunto circa 20 miliardi di euro, con oltre 26.000 brevetti registrati, per sviluppare una supply chain dinamica e matura. MG rappresenta uno dei principali fornitori di veicoli elettrici nell’UE, e svolge un ruolo fondamentale nel rendere la guida elettrica accessibile a tutti e guidare la transizione verso una mobilità sostenibile, che è un elemento chiave per facilitare la trasformazione green e per contrastare il cambiamento climatico.

Lo scossone dei dazi UE

In una nota, MG auspica che la Commissione Europea valuti attentamente la propria decisione e l’impatto che ne deriverebbe e invita ad avviare un dialogo costruttivo con i partner dell’industria automobilistica mondiale, compresa la Cina, per trovare insieme soluzioni che promuovano la concorrenza leale e lo sviluppo sostenibile. MG rimane ferma nel suo impegno di fornire soluzioni di mobilità elettrica accessibili e a guidare così la transizione verso un trasporto sostenibile. In attesa di sapere cosa succederà coi dazi, se essi verranno confermati dopo la misura provvisoria, MG continua con la sua missione che è molto chiara. In uno scenario continentale che guarda all’elettrico, il brand di SAIC non si scompone e continuerà a dare il suo contributo fondamentale alla causa.

Clicca qui per visitare la pagina dell’autore