La Formula 1 non si ferma. Dopo il GP del Portogallo, è subito tempo di pensare al Gran Premio di Spagna, in programma domenica a Barcellona. Una pista che il Circus conosce molto bene, visto che è solitamente teatro dei test pre-stagionali. E in effetti si tratta di una vera e propria cartina al tornasole per saggiare le qualità delle monoposto, data la natura variegata del tracciato. A Montmelò, quindi, potrebbero arrivare indicazioni più puntuali sullo stato di forma dei team. Desta certamente molta attenzione la lotta tra Mercedes e Red Bull, con le Frecce nere apparse più efficaci sul dritto a Portimao dopo un paio di gare in cui il team di Milton Keynes aveva la monoposto migliore. 

Una cosa è certa: Max e Lewis, in questo momento, sembrano venire da un altro pianeta. E sono proprio le loro indubbie capacità a rendere ancora più complesso il paragone tra Mercedes e Red Bull. Ma a Barcellona cercherà delle conferme pure la Ferrari, reduce da un fine settimana tutt’altro che semplice in quel di Portimao. Con il caldo, la SF21 si è praticamente mangiata le gomme. E, soprattutto con le medie, Leclerc e Sainz hanno accusato difficoltà. Il sesto posto di Charles, a ben vedere, è il miglior risultato cui la Ferrari potesse ambire in Portogallo. Perché Lando Norris ha mostrato tutte le potenzialità della McLaren, la vera rivale della Rossa.

La scuderia di Woking sembra avere qualcosa di più, per ora. Ma un buon segnale arrivato a Portimao può far ben sperare per Barcellona. Nelle libere del venerdì, sia Leclerc che Sainz hanno provato un inedito fondo piatto, che ha dato buoni riscontri. Non è stato impiegato per qualifiche e gara perché ne era stato portato un solo esemplare. Senza scorta, non si sarebbe comunque potuto utilizzare. E, in ogni caso, visto il clima disteso tra Charles e Carlos, è meglio evitare favoritismi. A Barcellona, però, farà il suo debutto ufficiale. Ed è la pista ottimale per giudicarlo al meglio, nella speranza che la Rossa possa fare meglio che a Portimao. 

La sfida a Montmelò si giocherà su 66 giri, da inanellare sul Circuit de Barcelona-Catalunya, della lunghezza di 4,675 km

Ecco gli orari per seguire il weekend di gara a Barcellona:

Venerdì 7 maggio:
Prove libere 1: 11.30-12:30 – diretta su Sky SportF1 HD
Prove libere 2: 15.00-16:00 – diretta su Sky SportF1 HD

Sabato 8 maggio:
Prove libere 3: 12:00-13:00 – diretta su Sky SportF1 HD
Qualifiche: 15:00-16:00 – diretta su Sky SportF1 HD e TV8

Domenica 9 maggio:
Gran Premio: ore 15:00 – diretta su Sky SportF1 HD e TV8

Clicca qui per visitare la pagina dell’autore