Un’evoluta interfaccia uomo/macchina

Plancia e comandi
La plancia dell’Audi A3 Sportback è sinuosa e si può impreziosire con le sottili linee luminose (30 colori) del pacchetto Luci d’ambiente (optional), che corrono anche lungo i pannelli delle porte. Il pezzo forte è il cruscotto digitale: quello di serie è di 10,3”, optional il monitor di 12,3”, che offre più possibilità di personalizzazione. In ogni caso sono mostrate in modo chiaro parecchie informazioni (anche sulla navigazione). Sofisticato l’impianto d’infotainment con uno schermo di 10,1’’. Brillante e reattivo al tocco dispone di parecchie funzioni, fra cui la consultazione delle notizie on line e del prezzo dei carburanti nelle stazioni di servizio nelle vicinanze. Inoltre, al pari degli altri comandi per i servizi di bordo, il sistema è intuitivo nella gestione. Da segnalare le bocchette di ventilazione collocate in modo inconsueto (intorno al cruscotto e davanti al passeggero anteriore) che inviano un flusso più diretto verso il corpo. Non offrono, però, la regolazione della portata: si può soltanto chiuderle orientandole di lato a fondo corsa.

Abitabilità
L’interno dell’Audi A3 Sportback garantisce un quantità di spazio più che soddisfacente. Con l’S line pack (optional) guadagna dettagli sportivi quali l’inserto in alluminio nella plancia, la pedaliera in acciaio e il soffitto nero.
Optional anche i comodi sedili sportivi col supporto per le cosce allungabile (la posizione di guida è piuttosto bassa) e il raffinato rivestimento in Alcantara. Volendo, si possono avere anche le regolazioni elettriche, le funzioni di riscaldamento e massaggio. Il divano ha una seduta piatta, consistente e presta maggiore attenzione a chi siede sui lati. Una persona al centro ha fra i piedi il tunnel (alto 18 cm e largo 17) nel pavimento e il mobiletto fra i sedili (dotato di diffusori per il climatizzatore e due prese Usb).

Bagagliaio
Per un’auto di questa categoria il baule dell’Audi A3 Sportback è ampio: offre 380 litri, che crescono a 1200 ripiegando il divano. Il bagagliaio è rifinito con cura e ha il piano che si può fissare su due livelli: in quello più alto, sotto il fondo si ottiene un vano profondo 11 cm. Sotto la cappelliera,  col piano tutto giù, si possono caricare due grandi valigie rigide, oltre a un trolley e almeno un’altra borsa. Nulla da ridire sull’accessibilità e la soglia di carico non è distante dal suolo (70 cm).

Clicca qui per visitare la pagina dell’autore