TANTI PORTAOGGETTI, POCHE PRESE

Plancia e comandi
L’abitacolo della Citroën C5 Aircross si distingue per le forme morbide e arrotondate. Gli assemblaggi sono precisi e le plastiche, anche se rigide, gradevoli al tatto (meno quelle nelle porte e nella parte inferiore della consolle). Lo schermo di 8”, a centro plancia, è ben leggibile: raggruppa i comandi virtuali di gran parte dei servizi di bordo, rendendoli, però, un po’ macchinosi da usare, almeno all’inizio. Alcuni pulsanti, tuttavia, si rivelano scomodi da azionare durante la guida. I vani non mancano, ma le prese Usb scarseggiano. 

Abitabilità
Gli interni della Citroën C5 Aircross sono ariosi: anche dietro, dove tre adulti hanno parecchio spazio e possono far avanzare o arretrare individualmente il proprio sedile. Quelli anteriori Advanced Comfort (di serie) sono ampi ma poco avvolgenti: in curva non trattengono bene il corpo. In compenso risultano comodi anche dopo ore di viaggio: l’imbottitura comprende uno strato aggiuntivo spesso 1,5 cm in schiuma poliuretanica. Pratici i tre sedili della seconda fila: tutti di uguale larghezza, sono scorrevoli di 15 cm e con gli schienali regolabili nell’inclinazione (su cinque livelli, da 19° a 26,5°). Sotto le bocchette dell’aria c’è una presa Usb (l’altra è davanti).

Bagagliaio
Il baule della Citroën C5 Aircross è assai capiente, anche col divano tutto indietro. L’apertura ha una forma squadrata che semplifica le operazioni di carico dei bagagli; il vano, con le pareti scavate, è molto largo in basso e ha un comodo fondo asportabile, che si può fissare su due posizioni: a filo della soglia o più in basso.

Clicca qui per visitare la pagina dell’autore