Bene la strumentazione e il baule

Plancia e comandi
Assemblata con cura, ma costruita con materiali esteticamente poco appaganti, la plancia della Volkswagen Taigo non è molto ricercata. Sofisticato, invece, il cruscotto digitale di 10,3”. Offre molte configurazioni, tutte complete e di facile lettura. Fra l’altro, si possono visualizzare i classici quadranti circolari, ispirati alle strumentazioni analogiche, oppure ingrandimenti al centro dello schermo relativi al funzionamento degli aiuti alla guida. Valido anche l’impianto multimediale: il display di 8” è reattivo, ma è scomodo richiamare il menù a tendina dall’alto (la cornice disturba). Di serie Android Auto e Apple CarPlay senza fili, ma si pagano, tra l’altro, il navigatore e i comandi vocali. Raffinata la superficie a sfioramento del climatizzatore automatico bizona (optional, quello di serie è manuale) che, però è scomoda: non sempre recepisce il comando al primo tocco ed è posizionata troppo in basso nella consolle. In compenso, le rotelle nelle bocchette consentono la regolazione separata della portata dell’aria.

Abitabilità
Davanti lo spazio è adeguato e i sedili rigidi, oltre che non troppo avvolgenti, sono comodi (quello sinistro ha gli attacchi isofix per i seggiolini); solo a comando manuale, però, le regolazioni in altezza e lombare (la cui leva non è facile da raggiungere). Dietro, l’agio è ok in larghezza, mentre quello per le gambe scarseggia. Inoltre, chi è più alto di 180 cm sfiora il soffitto con la testa e il quinto posto al centro del divano è scomodo: colpa del cuscino della seduta più pronunciato e del voluminoso tunnel nel pavimento, che intralcia con i piedi. Il mobiletto offre le prese Usb, ma non i diffusori del climatizzatore. Sgradevoli i poggiagomiti in plastica dura nelle porte e mancano le maniglie di appiglio nel soffitto. 

Bagagliaio
Al baule della Volkswagen Taigo si accede facilmente grazie alla generosa apertura del portellone. Alta, però, la soglia di carico a 78 cm dal suolo. Il vano è capiente: 440 litri con cinque posti in uso e crescono a 1222 litri a divano giù (che, ripiegato, non crea gradini). Con un solo e semplice gesto il pavimento si può regolare su due altezze. Scegliendo quella più bassa, nello spazio sotto la cappelliera il baule può contenere due grandi valige rigide e alcune borse.

Clicca qui per visitare la pagina dell’autore