Il mercato globale dei veicoli leggeri è tanto grande quanto vario. Si possono trovare tanti marchi e modelli diversi in tutto il mondo, grazie alla localizzazione della produzione e al sostegno di diversi governi per incentivare l’industria locale.

Mentre Cina, USA-Canada ed Europa rappresentano circa il 70% del mercato globale dei veicoli leggeri, i marchi cercano di essere presenti nel restante 30%.

Cosa significa essere “globali”?

È importante capire cosa significa essere un marchio “globale”. Per globale intendiamo un’azienda presente in tutti i continenti. Non deve necessariamente essere presente in ogni singolo Paese del mondo, ma avere attività in Nord America, America Latina, Medio Oriente e Africa, Europa, Eurasia, Asia meridionale, Sud-Est asiatico e Pacifico, Cina, Giappone e Corea è ciò che definisco come veramente globale.

In base alla mia definizione, possiamo dire che sono davvero pochi i marchi con questa presenza globale. Toyota è probabilmente il marchio automobilistico più globale oggi, con attività in quasi tutti i Paesi del mondo. Sebbene il 43% delle sue vendite nel 2023 sia stato realizzato in Cina e negli Stati Uniti-Canada, ha anche una forte presenza nel suo mercato nazionale, il Giappone, l’Europa, il Sud-Est asiatico e il Pacifico, l’America Latina, il Medio Oriente e l’Africa. È presente anche in Asia centrale e in India-Pakistan. La Corea è forse il mercato in cui non brilla, ma ha comunque venduto quasi 8.500 veicoli lo scorso anno.

Quanto sono globali i marchi automobilistici?

Quanto sono globali i marchi automobilistici

In qualità di marchio automobilistico più venduto al mondo, Toyota ha una delle linee più ampie tra tutti i marchi automobilistici oggi disponibili. Questo marchio giapponese può facilmente raggiungere diversi consumatori grazie alla localizzazione della produzione in tutto il mondo. Toyota non solo è conosciuta ovunque, ma gode di una buona reputazione in molti Paesi. In alcuni di essi è posizionata come marchio mainstream puro (Nord America, Giappone, Cina, Europa). In altri, Toyota svolge un ruolo semi-premium, come ad esempio in alcuni mercati dell’America Latina, del Medio Oriente e del Sud-Est asiatico.

Quanto sono globali i marchi automobilistici?

Il secondo marchio più globale è la coreana Hyundai

Il secondo marchio più globale è la coreana Hyundai. Come accade per Toyota con la Corea, il suo unico tallone d’Achille è il Giappone. Tuttavia, le sue vendite globali sono abbastanza ben distribuite: il 24% negli Stati Uniti-Canada, il 16% in Corea, India-Pakistan ed Europa ciascuno; circa il 7% in Cina e Medio Oriente-Africa ciascuno. È chiaro che Hyundai ha seguito la strategia di Toyota di creare prodotti dedicati localizzando la produzione. Il marchio gemello Kia ha una maggiore dipendenza da USA-Canada (30%), Europa (21%) e Corea (20%).

MarchioCinaEurasiaEuropaIndia-PakistanGiappone
Toyota20,4%0,1%11,3%2,6%17,2%
Volkswagen44,5%0,0%32,6%0,9%0,6%
Honda32,5%0,0%2,3%2,5%15,6%
Hyundai7,0%1,3%16,0%16,1%0,0%
Ford5,4%0,0%26,1%0,0%0,0%
Nissan22,7%0,0%11,3%1,0%15,5%
Kia3,3%1,3%20,9%8,9%0,0%
Chevrolet6,1%1,7%0,1%0,0%0,0%
Mercedes33,3%0,1%38,6%0,7%2,2%
BMW36,6%0,1%34,0%0,6%1,5%
Fiat0,0%0,0%55,0%0,0%0,4%
Peugeot4,1%0,0%80,6%0,0%0,7%
Citroen4,1%0,0%83,1%1,4%0,7%
Opel/Vauxhall0,1%0,0%97,3%0,0%0,0%
Suzuki0,3%0,0%7,2%59,7%21,7%
Renault0,0%0,0%72,4%3,1%0,4%
MarchioCoreaLatamMEASE Asia-PacificoUSA-Canada
Toyota0,1%5,5%6,5%13,0%23,2%
Volkswagen0,2%10,8%1,7%0,9%7,8%
Honda0,0%3,1%0,6%9,8%33,5%
Hyundai16,2%7,8%6,6%4,9%24,2%
Ford0,1%3,8%2,2%5,5%56,9%
Nissan0,0%11,9%4,9%3,1%29,6%
Kia19,8%6,1%4,8%4,5%30,3%
Chevrolet1,4%22,4%1,8%0,1%66,4%
Mercedes3,2%1,5%1,5%2,4%16,4%
BMW3,5%1,6%1,7%2,8%17,6%
Fiat0,0%43,5%1,0%0,0%0,0%
Peugeot0,2%10,4%3,3%0,6%0,0%
Citroen0,0%8,2%2,4%0,1%0,0%
Opel/Vauxhall0,0%0,6%1,9%0,1%0,0%
Suzuki0,0%2,7%3,6%4,8%0,0%
Renault1,4%17,2%4,9%0,5%0,0%

 

Dati preliminari. Esclusi alcuni paesi.

Gli americani e gli europei

I marchi americani ed europei si potrebbero definire “mainstream”, ma hanno una minore presenza globale. Dopo alcuni anni di cambiamenti di priorità, Ford sta ora concentrando la maggior parte delle sue attività in due regioni: USA-Canada ed Europa. Questi due mercati rappresenteranno circa l’83% delle vendite globali nel 2023. Il marchio ha deciso di abbandonare la produzione locale in India e in Brasile dopo molti anni travagliati. Non è quasi presente in Giappone o in Corea ed è quasi sconosciuto in Asia centrale.

Lo stesso accade alla rivale Chevrolet. Anch’essa ha abbandonato l’India e l’Europa qualche anno fa. L’anno scorso, i dati preliminari mostrano che tutte le Americhe messe insieme hanno rappresentato l’88% delle sue vendite globali.

Anche i marchi europei mainstream non sono ben posizionati. Volkswagen, il secondo marchio più venduto al mondo, ha venduto il 77% delle sue auto in due soli mercati: Cina ed Europa. Renault ha venduto quasi il 90% dei suoi veicoli in Europa e in America Latina; quasi tutte le Fiat vendute nel 2023 (98%) sono rimaste in Europa (compresa la Turchia) e in America Latina. Il marchio gemello Peugeot ha venduto l’80% delle sue auto in Europa, mentre Citroen ha venduto l’83% dei suoi veicoli anche in questa regione.

L’autore dell’articolo, Felipe Munoz, è Automotive Industry Specialist di JATO Dynamics.

Source link