https://cdn.motor1.com/images/mgl/kpZ2R/s6/bmw-750il---inside-bmw-group-classic.jpg

Per molti è una delle berline più belle mai realizzate. Per altri è un’indimenticabile “Bond Car”. Stiamo parlando della BMW Serie 7 generazione E38.

Rimasta in vendita fino al 2001, l’ammiraglia tedesca è tornata a farsi vedere in una veste inedita. Anzi, tre. La rubrica Inside BMW Group Classic, ha svelato i segreti di tre Serie 7 davvero speciali.

Lusso in stile anni ‘90

La prima Serie 7 a mostrarsi è la 750iL in versione “base”. Si tratta di un modello a passo lungo dotato di un 5.4 V12 da 326 CV e di tutto il lusso possibile.

In pratica, è una vera e propria limousine con passo allungato di 14 cm e tanti incredibili comfort per l’epoca. Uno di questi è un primitivo navigatore, oltre al volante riscaldabile (una rarità assoluta in quegli anni). I passeggeri posteriori, invece, possono utilizzare un cellulare Nokia 9000 Communicator fornito in dotazione alla vettura.

La seconda BMW è sempre una 750iL, ma è ancora più rara. Realizzata in collaborazione con lo stilista Karl Lagerfeld e l’Hotel Four Seasons di Amburgo, presenta una speciale vernice perlata rossa e bianca. Alla dotazione del precedente modello, questa aggiunge un fax (!), un videoregistratore VHS, un telefono e un minibar.

Svelati i misteri della Serie 7 di James Bond

La terza Serie 7 è forse la più conosciuta. Si tratta della 750iL apparsa nel film di 007 “Il domani non muore mai” del 1997 con protagonista Pierce Brosnan. Una delle scene più memorabili del film è quella in cui l’auto è comandata da remoto da 007 tramite un cellulare. Il video svela il trucco della “guida autonoma”.

BMW Serie 7 E38, i segreti di tre modelli speciali

La postazione di guida della BMW, infatti, è sul sedile posteriore. Qui sono stati alloggiati i comandi “estesi” di sterzo, pedali e cambio. Grazie ad un abile gioco di riprese, nel film l’auto sembra effettivamente controllata dal dispositivo, ma in realtà c’è una persona in carne ed ossa nascosta dietro al sedile del guidatore.

Clicca qui per visitare la pagina dell’autore