La Ghost Black Badge è una delle Rolls-Royce più potenti di sempre. L’esigente mondo dei tuning, però, ci insegna che c’è sempre spazio per qualche cavallo in più. E l’elaborazione di Spofec lo dimostra ancora una volta.

Il marchio di proprietà della Novitec ha sfornato un kit estetico e di potenziamento per la Ghost che esprime il lato più sportivo dell’ammiraglia britannica.

Un nuovo “abito” su misura

L’aggiornamento di Spofec è partito dagli esterni, con la Rolls-Royce che sfoggia un look più cattivo rispetto al modello di serie, pur senza esagerare. La Ghost Black Badge, infatti, sembra conservare il suo classico portamento lussuoso e ricercato, ma non rinuncia a dei paraurti più affilati con nuove appendici aerodinamiche in fibra di carbonio.

Rolls-Royce Ghost Black Badge by Spofec

Dietro si trova uno spoiler più accentuato, mentre i terminali dell’impianto di scarico sportivo (con tanto di valvola bypass per far “ruggire” il V12) si mimetizzano col resto della carrozzeria. A rendere ancora più dinamica la linea della Ghost ci pensano i cerchi in lega da 22” di Vossen disponibili in ben 72 colorazioni e montati su pneumatici 265/35 R22 all’anteriore e 295/30 R22 al posteriore.

Sfonda quota 700 CV

Grazie alla centralina N-Tronic, Spofec è riuscita a spremere ulteriormente il mastodontico 6,75 litri V12. Ora la Ghost Black Badge tocca i 706 CV e 1.002 Nm di coppia, con un incremento di 106 CV e 102 Nm rispetto alla versione di serie.

Secondo il tuner, questo importante potenziamento ha abbassato il tempo nello 0-100 km/h di mezzo secondo fermando il cronometro in 4,3 secondi, mentre la velocità massima resta limitata elettronicamente a 250 km/h.

Rolls-Royce Ghost Black Badge by Spofec

Oltre alle modifiche all’estetica e al motore, Spofec ha aggiunto le sospensioni Can-Tronic con assetto regolabile per abbassare la Rolls-Royce fino a 40 mm rispetto all’altezza di serie.

Infine, per completare la trasformazione, i clienti più esigenti possono richiedere personalizzazioni ad hoc per rivestimenti e materiali dell’abitacolo.

Clicca qui per visitare la pagina dell’autore