Stellantis: con gli incentivi offerte per tutti i marchi

CONTO ALLA ROVESCIA – Il 3 giugno 2024 sarà possibile richiedere attraverso la piattaforma dedicata i nuovi incentivi per l’acquisto di auto a basse emissioni, attesissimi dopo continui rinvii. Per l’occasione il gruppo Stellantis mette in campo nuove promozioni che potrebbero interessare chi ha intenzione di cambiare vettura approfittando delle agevolazioni, che possono arrivare fino a un massimo di 13.750 euro per chi acquista un’auto elettrica, rottamando contestualmente un’auto fino a Euro 2 e presentando un ISEE inferiore a 30.000 euro. Vediamo le offerte proposte marchio per marchio.

FIAT E ABARTH

Le offerte della Fiat, insieme agli incentivi 2024, puntano a dare slancio alla produzione delle 500e, Panda e 500X oltre che dell’Abarth 500e. Con “Social leasing by FIAT”, rottamando una vettura Euro 0-1-2 e presentando un ISEE inferiore ai 30.000 euro si può guidare una Fiat 500e con batteria da 23 kWh con anticipo zero, canone zero e la scelta di riscattarla o sostituirla dopo 36 mesi. Per chi avesse un ISEE superiore, il canone mensile parte da 39 euro. La variante firmata dall’Abarth viene proposta con una rata di 129 euro con un anticipo di 1.350. Offrete anche per la Panda Hybrid, che rottamando un veicolo fino all’Euro 2 parte da 9.700 euro, e la 500 Hybrid, che parte da 10.950 euro. Sconti anche per la 500X e la Tipo, entrambe con motori diesel, con prezzi che partono rispettivamente da 16.950 e 15.590 euro. La nuova Fiat 600 può essere accessibile con un canone mensile a partire da 99 euro per 36 mesi, con un anticipo di 2.990 euro: la soluzione finanziaria è valida tanto per la 600 ibrida che per quella elettrica. 

OPEL

Nel migliore dei casi la Opel Corsa Electric Yes (con cerchi in lega da 16 pollici, sistema Multimedia digitale da 10 pollici e tetto nero a contrasto) si può avere con una rata di 59 euro al mese grazie al leasing “Blitz!”, della durata di 3 anni o 30.000 km con valore residuo garantito. Alla fine del periodo si può scegliere se tenerla o restituirla. Con la stessa durata del noleggio si può avere anche la Mokka Electric e la Astra Electric, rispettivamente a 69 e 179 euro al mese. Nell’offerta “Blitz!” è compresa anche la wallbox casalinga e il caricatore di bordo potenziato a 11 kW. 

PEUGEOT

Diversi modelli della Peugeot possono ottenere i vari bonus governativi. Per esempio la E-208 viene offerta senza anticipo a 100 euro al mese, comprensivi di tre anni e 30.000 km, mentre per le versioni ibride o a benzina è previsto un anticipo, che per la Hybrid è di 1.068 euro. Senza anticipo e con le stesse condizioni di chilometraggio e durata della 208 elettrica, ma con una rata mensile di 150 euro, è offerta anche la crossover E-2008; per le varianti a benzina e ibride è previsto un anticipo (di 1.100 euro per la termica e di 2.708 euro per l’ibrida). La Peugeot 308 elettrica è disponibile con una rata di 200 euro senza anticipo, così come non serve anticipare nulla per la nuova E-3008, offerta a 350 euro mensili (rata valida anche per le Hybrid e Plug-in Hybrid). Tutte le offerte per le varianti elettriche includono anche la wallbox per la ricarica domestica. 

CITROËN

La Citroën ë-C3 è una delle auto elettriche più economiche disponibili sul mercato e diventa ancora più accessibile con gli ecoincentivi e il finanziamento “Elettrico Sociale Citroën”. Nel dettaglio, la formula non richiede nessuna anticipo e la rata mensile per chi rottama un’auto Euro 0-1-2 è pari a 49 euro per la versione You, che diventano 99 euro al mese scegliendo l’allestimento Max. Se si rottama una vettura Euro 3, le rate salgono rispettivamente a 79 e 129 euro, mentre in caso di rottamazione di una Euro 4 il contributo mensile previsto è di 99 euro per la ë-C3 You e di 149 euro per la Max (ma con un anticipo di 700 euro). Ad accedere agli incentivi sono anche altri modelli della gamma della casa francese, tra cui la C3 con motore PureTech a benzina da 83 CV, la C3 Aircross sia benzina che diesel e le C4 e C4x a benzina, gasolio e ibride. Soggetti all’ecobonus anche tutti i modelli ibridi da 136, 180 e 225 CV della C5 Aircross e pure la C5X ibrida da 180 e 225 CV, come anche le varianti elettriche di Berlingo, C4, e C4X. 

JEEP

Nel segno della libertà di scelta le offerte della Jeep, che consentono di ottenere gli incentivi su modelli elettrici, ibridi leggeri e termici. Per esempio, la Avenger viene proposta a 149 euro al mese, con anticipo zero e wallbox inclusa per la versione completamente elettrica. Nell’ambito dell’iniziativa “Diamo valore al Made in Italy”, la Renegade e la Compass, entrambe prodotte nell’impianto lucano di Melfi, sono protagoniste di iniziative speciali: la plug-in Compass 4xe è proposta per esempio a 29.900 euro, con la wallbox inclusa nel prezzo.

LANCIA

Di recente la Lancia ha aperto gli ordini per la nuova Ypsilon, che sia in variante elettrica che ibrida può accedere all’ecobus statale. Per esempio, rottamando un veicolo fino all’Euro 2 si può acquistare la nuova Ypsilon con una rata da 130 euro al mese per 36 mesi, sia che si scelga la versione ibrida da 100 CV che quella completamente elettrica da 156 CV. Alla scadenza del finanziamento, il cliente può scegliere se restituire la vettura oppure tenerla pagando un importo variabile in base all’allestimento. Anche la vecchia Ypsilon in pronta consegna può beneficiare degli incentivi: la versione Hybrid Oro, per esempio, è proposta fino al 31 maggio a partire da 9.900 euro, con anticipo di 1.228 euro e 35 rate mensili da 79 euro. Se alla fine del finanziamento la si vuole tenere, la maxirata finale è pari a 9.032 euro.

ALFA ROMEO

Tutte le versioni attualmente ordinabili dell’Alfa Romeo Junior, ibrida ed elettrica, e le versioni Sprint della Tonale Hybrid e Plug-in Hybrid possono accedere agli incentivi nelle rispettive fasce. Anche nel caso dei modelli del biscione, all’ecobonus governativo si aggiunge l’iniziativa “Diamo valore al Made in Italy”, che punta a dare slancio alla produzione negli stabilimenti di Cassino e Pomigliano d’Arco. Per la Tonale (prodotte a Pomigliano d’Arco) si ha un extra sconto di 1.000 euro, che sale a 1.500 euro per la Giulia e la Stelvio. Rottamando un veicolo fino a Euro 2, il leasing pensato per Tonale prevede un canone mensile da 250 euro, con un anticipo di circa 7.500 euro, valido sia per la versione mild hybrid che la plug-in (per quest’ultima è inclusa la wallbox).

DS

La contribuzione statale interessa i modelli DS 3, DS 4 e DS 7, sia nelle varianti E-Tense (100% elettriche o ibride plug-in) che alcune versioni ibride rientranti nella fascia 61-135 g/km di CO2. A titolo di esempio, chi riesce a ottenere un bonus di 13.750 euro può mettersi al volante di una DS 3 Perforline E-Tense con una rata che parte da 170 euro e un anticipo di 610 euro. La plug-in DS 4 E-Tense 225, che può ottenere uno sconto di 10.000 euro, viene proposta con una rata mensile a partire da 275 euro per la Business (anticipo 4.500 euro) e da 325 euro per la Perforline (anticipo 5.000 euro). Le varianti full hybrid della DS 3 e della DS 4 possono beneficiare di un bonus massimo di 3.000 euro e sono disponibili con rate da 200 euro e anticipo di 7.600 euro la DS 3 Bastille Business e da 225 euro/mese e anticipo di 5.000 euro la DS 4 Pallas. 

Clicca qui per visitare la pagina dell’autore