In questi giorni in cui milioni di italiani si muovono sulla vasta rete autostradale della Penisola, torniamo a parlare assiduamente di pedaggi. Autostrade per l’Italia inaugura un nuovo servizio chiamato TargaGo che permette, tramite una serie di telecamere installate presso i portali tradizionali, di effettuare il pagamento da un “borsellino” digitale ricaricabile.

Vediamo di seguito come funziona, dove e cosa permette di pagare.

TargaGo, come funziona

Già attivo sulla Tangenziale di Napoli, TargaGo è un servizio parallelo alle altre modalità di pagamento e funziona grazie a una tecnologia avanzata di riconoscimento delle targhe attraverso delle telecamere di ultima generazione.

Una volta che l’auto è transitata sotto ai portali appositi, infatti, il pedaggio viene addebitato direttamente sul conto associato alla targa del veicolo, previa registrazione al servizio tramite l’apposita app o il sito web dedicato.

TargaGo, come attivarlo

Per attivare il servizio, al quale è possibile collegare per il momento fino a 2 targhe, è sufficiente registrarsi sul sito web dedicato o sull’apposita app scaricabile dagli store Apple o Android.

Come funziona TargaGo

TargaGo, quanto costa

Il servizio TargaGo per il momento non prevede costi aggiuntivi o di abbonamento oltre alle normali tariffe di pedaggio autostradale, un vantaggio non indifferente rispetto ai servizi di telepedaggio a cui siamo abituati, tuttavia non è ancora chiaro se resterà così per sempre.

TargaGo, cosa si può pagare e dove funziona

Come abbiamo detto, per il momento il servizio è attivo in via preliminare solo sulla Tangenziale di Napoli, un’arteria cruciale per la mobilità urbana e interurbana della città, con un traffico giornaliero molto intenso.

Nei prossimi mesi, tuttavia, il servizio potrebbe essere esteso anche ad altre tratte gestite da Autostrade per l’Italia.

Clicca qui per visitare la pagina dell’autore